Camparisoda 80esimo

Camparisoda 80esimo

Posted: 13/03/2012
Riprogettare un’icona: il sogno di ogni designer del pianeta. Eppure in questo caso la mano del designer ha il dovere di fermarsi per riflettere sull’essenza di un progetto nel rispetto della storia, pur in sintonia con il naturale evolversi dei tempi.Così è nata l’idea di mantenere le proporzioni originali della bottiglietta disegnata da Fortunato Depero, vestendola però con un nuovo e più elegante abito. La texture utilizzata è un decoro geometrico che richiama nella sua essenza lo spirito futurista e la scomposizione per parti degli ingredienti formali di questa vera opera d’arte alla portata di tutti. Triangoli e cerchi si ripetono e si rincorrono per creare un memorabile grip, lasciando in due punti lo spazio per il logo Camparisoda e il suo ottantesimo.

 

Redesigning an icon: the dream of every designer on the planet. Yet in this case the designer’s hand has the duty to stop and think about the essence of a project in accordance with it’s history, but in harmony with the natural evolution of time.Thus was born the idea of maintaining the original proportions of the bottle designed by Fortunato Depero, dressing her with new and more stylish clothes. The geometric pattern used as texture is a recall of the essential spirit of futurism and the breakdown by parts of the formal ingredients of this true work of art. Triangles and circles are repeated and follow each other to create a memorable grip, leaving two points of space for the logo Camparisoda and his eightieth anniversary.

 
Photo credit: Max Rommel