Settanta gocce

2017

Quest’anno Vismaravetro compie settant’anni. 

Quindi questa storia inizia con una celebrazione.

La storia narra che il signor Elia Vismara comincia a lavorare il vetro nel 1947. Non c’è una certezza, come accade spesso per le cose nate nell’immediato Dopoguerra. Quindi occorre fidarsi della trasparenza dei racconti orali.

Vismaravetro così come la conosciamo oggi è figlia di un’evoluzione industriale: negli anni Settanta, con l’introduzione del vetro temperato nei processi industriali, il marchio concentra la produzione sulle cabine doccia. Da lì ad oggi succedono molte cose e il risultato è un marchio riconosciuto per la qualità e per la capacità di rinnovare una tipologia produttiva che, apparentemente, non lascia grande spazio alla diversificazione. Il merito va innanzi tutto 

all’ingegner Vismara, che rappresenta la seconda generazione di Vismaravetro insieme alla moglie Elisa Giussani, da sempre accanto a lui in azienda. Oggi la coppia è affiancata da Elia e Stefano, che proseguono il lavoro in un’azienda a impianto decisamente famigliare.

C’è un altro Elia, quindi, a festeggiare i settant’anni oggi: il nipote del fondatore. E per celebrare settant’anni di storia ha deciso di fare qualcosa di controintuitivo per un imprenditore: qualcosa che non è un prodotto. 

Matteo Ragni, designer milanese coetaneo di Elia, viene interpellato per fare sperimentazione sui decori per le cabine doccia. Nasce una ricerca spontanea intorno a un pattern che ricorda i decori più classici dell’italianità e che, contemporaneamente, gioca con l’ossessione per il non sense prospettico. Un’architettura fatta di sette strutture concentriche, come gli anelli che si contano per conoscere gli anni di un albero.

Questo non è un prodotto, è un disegno. È il festeggiare di una sperimentazione tecnica e grafica in cui raramente si può indugiare. Segni che qui raccontano il carattere curioso di certa produzione brianzola. Un decoro che non si è sicuri di poter ottenere sul vetro. Quindi ci si prova per forza. 

E alla fine ci si riesce. 

Niente va perduto in questo compleanno in cui si festeggiano settant’anni. Così, seguendo un’idea dello Studio Romanoassociati, si va a casa di Alberto Casiraghy: poeta, celeberrimo editore di 

piccoli libri d’arte, che un recente film di Soldini ha reso ancor più famoso. Si inventa un aforisma, un disegno, un decoro. Si passa una giornata a comporre caratteri tipografici, a tagliare carta – 

Alberto lavora solo coadiuvato dai suoi committenti. E alla fine si può regalare un piccolo prezioso libro intitolato Settanta gocce, Edizioni Pulcinoelefante, edito in settanta copie. Disegno di Matteo Ragni, aforisma di Elisa Massoni, saggezza e genialità di Alberto Casiraghy. Committente: Vismaravetro.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.